lunedì 2 settembre 2013

BRASILE - SALVADOR DE BAHIA, IL MERCADO MODELO


Ai piedi dell’Elevador Lacerda, l’ascensore che collega la città alta (Pelourinho) a quella bassa (Cidade Baixa), nel quartiere di Comércio, tra banche e uffici. Inaugurato nel 1912, il mercato è stato vittima di cinque incendi e più volte ricostruito. In origine vi si vendevano frutta, verdura, animali, sigari, cachaça e oggetti legati ai riti del candomblé, la dottrina sincretica afro-brasiliana. Prospiciente la Baia de Todos os Santos, dopo l’incendio del 1969 è stato spostato nell’edificio attuale, in origine sede dell’ex dogana, un palazzo neoclassico del 1861. Oggi è interamente dedicato ai souvenir per turisti, diviso su più piani affollati di negozietti collegati da scalinate metalliche. Non più ortaggi né animali, ma vi si può trovare tutto ciò che rappresenta il folclore brasileiro: dai berimbau (lo strumento che dà il ritmo alla capoeira, di cui si possono vedere dimostrazioni acrobatiche sul retro del mercato: attenzione ai muscolosi capoeiristas particolarmente decisi a ottenere ‘collaborazioni’ in denaro se li avrete immortalati senza previa richiesta) ai mille ninnoli del candomblé (in primis il balangandã, specie di ‘portachiavi’ che raduna svariati portafortuna, ma anche le fitas, braccialettini con i nomi dei santi). 






Infiniti strumenti musicali, oltre il berimbau, dal pandeiro alla cuica, entrambi fondamentali durante le sfilate di carnevale. E poi: bellissime redes (amache, dai 10-15 euro in su), fresche camicie bianche di cotone con bottoni di noce di cocco (circa 10 euro), carrancas (scaccia spiriti di legno da mettere all’ingresso di casa), tovaglie ricamate a mano (di tutte le misure e di tutti i prezzi), le famose ceramiche del Pernambuco (scacchi, statuette, con prezzi a seconda delle dimensioni, partendo da pochi euro), magliette della santa seleção, quadri di pittori locali che raffigurano scene della città (le casette multicolor del Pelourinho, una roda de capoeira, i pescatori al lavoro a bordo di antichi saveiros - le barchette a vela immortalate da Amado). Occasionalmente, all’esterno, qualche cantastorie intona le note della literatura de cordel, le canzoni popolari ispirate alla storia o ai fatti di cronaca, i cui testi sono stampati su libricini appesi a corde, in vendita.


altre foto di Salvador de Bahia su:

Nessun commento:

Posta un commento